due arresti e un espulsione

Cadavere in garage: “Volevo avere la pensione”

Ed eccoci nuovamente a raccontare una vicenda che non sapremo nemmeno bene definire con una parola soltanto.

A Padova, per la precisione a Sant’Urbano un uomo di 55 anni è stato denunciato per detenzione di cadavere.

Si avete proprio letto bene: detenzione di cadavere.

In pratica, l’uomo, ha conservato per mesi le ossa dello zio ed il corpo della madre defunti ormai da tempo.

La donna aveva 88 anni ed è morta ben 6 mesi fa. E’ stata trovata avvolta in un telo di cellophane.

Lo zio, invece, è morto addirittura nel 2016 ad 87 anni e sono state ritrovare le sue ossa dentro una cassettina.

Il corpo e le ossa sono state ritrovate nella giornata di ieri dopo che la banca aveva lanciato l’allarme ai carabinieri in quanto l’uomo si era presentato allo sportello per fare delle operazioni ed alla richiesta di alcuni documenti da parte del comune avevano capito che c’era qualcosa di sospetto. Ed avevano ragione.

I cittadini di Cà Morosini di Sant’Urbano avevano cominciato ad insospettirsi circa la sparizione dei due anziani, ma ad ogni domanda l’uomo rispondeva dicendo che erano in ospedale a Trecenta per dei motivi di salute.

L’uomo ha nascosto la morte dei due parenti per potersi intascare le pensioni.

Il parroco del paese si è detto davvero meravigliato e molto offeso dal fatto che in un paese non cosi tanto grande non ci si renda conto di quando una persona non c’è più.

Un voler far aprire gli occhi alla comunità chiaro e deciso, e possiamo dire che ha ragione.

Aiutaci a crescere, Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *