due arresti e un espulsione

Cigni morti a Recoaro: minacce al sindaco

A Recoaro c’è un meraviglioso laghetto in cui regnavano incontrastati due bellissimi cigni reali.

Purtroppo dobbiamo utilizzare il verbo passato perché i due cigni oggi non ci sono più.

Già qualche giorno fa, per la precisione nella giornata di domenica, è stato ritrovato molto il cigno maschio.

L’animale aveva il collo spezzato e dai segni sembra che sia stato anche picchiato con bastone.

Il cigno femmina invece stava bene, ma ha smesso di mangiare subito dopo la morte del compagno fino a morire proprio nella giornata di ieri.

Un segno che fa capire come gli animali abbiano davvero un’anima e dei sentimenti che non vanno assolutamente sottovalutati.

Purtroppo la coppia di cigni reali non c’è più ed il paese non ha preso la notizia molto di buon occhio.

Altro fatto grave, poi, è che il sindaco di Recoaro è stato minacciato di morte in quanto ritenuto responsabile dell’accaduto.

Il sindaco si è detto molto rammaricato dell’accaduto anche perché lui per primo amava molto quel posto e quei cigni, tanto che ha sempre lavorato come volontario per la salvaguardia degli animali.

Ovviamente ha esporto denuncia per le minacce di morte e spera che la situazione possa finire al più presto.

Positiva invece la solidarietà di molti altri cittadini che hanno raccolto fondi per cercare di acquistare due nuovi cigni per ripopolare il lago della città e dare una nuova vita al posto.

Di certo i due cigni morti resteranno sempre nel cuore. Ora sono stati portati all’istituto zooprofilattico delle Venezie per capire di più sulla loro morte.

Aiutaci a crescere, Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *