Festival Shakespeariano: il programma dell’estate teatrale a Verona

In attesa di scoprire il programma completo dell’Estate Teatrale Veronese, è stato svelato questa mattina il primo titolo del cartellone 2020. ‘Amleto’, interpretato da Sebastiano Lo Monaco, sarà a Verona in prima assoluta. L’inedita versione, prodotta da Sicilia Teatro, andrà in scena il 21, 22 e 23 luglio al Teatro Romano, un debutto nella lunga carriera dell’attore siracusano.

Ad anticipare la prima delle cinque rappresentazioni del Festival Shakespeariano, l’assessore alla Cultura e il direttore artistico Carlo Mangolini, approfittando della presenza in città di Lo Monaco, che avrebbe dovuto essere al Teatro Nuovo con ‘Antigone’, e del regista Alessio Pizzech.

Un Amleto che si risveglia e scopre di essere diventato vecchio. Che il tempo è passato solo per lui e Ofelia, legati da una disperata intimità. Mentre tutti gli altri sono rimasti giovani, soli e ignari dei loro destini. Questo il personaggio di cui Lo Monaco vestirà i panni, un Amleto invecchiato con i suoi dolori, solo, in un mondo del quale non riconosce più nulla, se non una gioventù e un’innocenza perdute. Questo anche il punto di partenza dell’originale adattamento curato da Francesco Niccolini per la regia di Alessio Pizzech.

Una lotta tra le età dell’anima, affidata al corpo e alla voce di un attore adulto e carismatico come Sebastiano Lo Monaco, per spostare il centro della riflessione da un’età anagrafica ad un tempo intimo e personale. Allo stesso tempo, un cast di attori giovani affiancheranno il protagonista, creando un effetto straniante. E così Amleto si rivolgerà allo zio Re Claudio quarantenne come se si sentisse già fuori dai giochi, come se un’intera generazione di ventenni, senza orientamento, avessero travolto il suo mondo interiore.

Giovedì 5 marzo si svolgeranno a Verona dei provini su chiamata, aperti ad una decina di attori selezionati dalla produzione.

“Purtroppo in questi giorni il teatro, così come gli operatori dei settori della cultura e dello spettacolo sono fermi e in difficoltà. Siamo vicini a tutti i lavoratori di questo comparto, fondamentale per Verona – ha detto l’assessore alla Cultura -. Ecco perché, nonostante la sospensione di Antigone, abbiamo voluto incontrare Sebastiano Lo Monaco e il regista Pizzech lanciando in anteprima il primo titolo di questa estate. Un segnale di normalità, un modo per proseguire con il nostro lavoro, sperando che tutto possa riprendere quanto prima. Ci aspetta una stagione sorprendente e innovativa, che di sicuro saprà coinvolgere il pubblico, pur mantenendo la tradizione e la natura del festival. Una serie di proposte ricche e diversificate andranno ad abbracciare tutte le età, suscitando interesse e curiosità. Ringrazio Carlo Mangolini per questa nostra prima collaborazione nel ruolo di direttore artistico dell’Estate Teatrale Veronese”.

“Nonostante le difficoltà di queste settimane – ha spiegato Mangolini -, dobbiamo reagire, guardando avanti, progettando e programmando eventi e spettacoli per riportare la gente a teatro e far tornare la voglia di ritrovarsi nei luoghi di cultura. Con questa anticipazione speriamo di mettere in moto la curiosità delle persone. Sarà una stagione molto ricca, con cinque titoli shakespeariani, tutte coproduzioni in prima nazionale, un evento internazionale e 4 spettacoli di danza. A settembre, inoltre, tornerà il teatro classico. Credo che il ruolo di un festival di produzione come l’Estate Teatrale Veronese non sia semplicemente quello di ospitare dei titoli, seppur di qualità, ma anche di partecipare a tutte le fasi di un allestimento scenico. Per questo sarò al fianco del regista Pizzech e del protagonista Lo Monaco per condividere le scelte del cast. E così succederà per tutti i titoli shakespeariani di quest’anno”.

“Mai mi sarei aspettato a questa età di interpretare Amleto – ha confessato Lo Monaco -, e contemporaneamente di esaudire un sogno che avevo da quando ero bambino, recitare al Teatro Romano. Verona e Siracusa sono unite da una congiunzione d’astri. È grazie al tenore scaligero Zenatello, che portò la lirica in Arena, che anche il teatro della mia città iniziò a ospitare l’opera. Non posso che essere felice e orgoglioso di interpretare questa inedita versione di Amleto a Verona, città alla quale sono legato. Al Teatro Nuovo, infatti, recitai per la prima volta a soli 22 anni. Amleto è un sogno che non avevo mai sognato, ma ora Verona e Shakespeare mi chiamano a viverlo. E allora che le miriadi delle stelle diano luce al nostro fausto cammino shakespeariano”.

“Quello che vogliamo realizzare – ha concluso Pizzech – è un Amleto dove la riflessione tra ciò che significa essere giovani ed il senso di sentirsi vecchi è il motore della macchina scenica. Amleto diventa una costruzione teatrale dove il conflitto tra le generazioni assume il carattere forte di una crisi del tempo moderno; un affresco impietoso di un tempo finito. Giovinezza e vecchiaia sono condizioni dell’anima non anagrafiche. Vogliamo restituire ad Amleto la sua importanza come uomo che si rivela a se stesso, che riscopre il senso della morte, che riflette anche su dimensioni contemporanee e vicine alla nostra società. E vedere nei personaggi dei tratti di ognuno di noi, vivendoli, perché il teatro non è solo forma ma anche sostanza”.

Fonte: Comune di Verona

Aiutaci a crescere, Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *