Treviso: il murales che torna a parlare

Non è passato molto tempo da quando vi avevamo raccontato dello strano murales comparso a Treviso.

Se non vi ricordate vi rinfreschiamo un attimo la memoria così da raccontarvi poi cosa è successo proprio nei giorni scorsi.

A Treviso, da un giorno all’altro, era apparso un murales sul muro della città in cui era raffigurato il viso di Salvino con la caricatura da diavolo con il crocifisso.

Il fatto destò non poco scalpore e portò molte discussioni in merito dividendo la città in due gruppi: da una parte chi apprezzava l’opera, dall’altra chi invece trovava il gesto davvero di poco gusto.

Il Sindaco, dalla sua parte, decise di far cancellare già il giorno dopo l’opera in quanto ritenuta un’offesa ed una protesta inutile sulla politica italiana.

Il tutto fu messo a tacere così nel giro di poche ore. Tuttavia, in realtà, la vicenda non era ancora finita del tutto.

Ecco che i corniciai della città hanno deciso di riunirsi e di porre una cornice proprio lì dove era stato fatto il murales.

Il principio è quello che il Sindaco non ha il diritto di decidere cosa è degno di essere esposto e cosa no.

Le idee politiche sono molto varie, il senso del gusto è personale ed ognuno ha il diritto di renderlo pubblico nella maniera che lo rappresenta di più, senza fare del male a nessuno ovviamente.

Ecco che ora a Treviso è possibile vedere una cornice vuota appesa, segno di dove era stato fatto il famoso murales di Salvini.

Aiutaci a crescere, Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *