Vicenza: maestra elementari indagata

Il lavoro di maestro non deve essere per niente facile, soprattutto al giorno d’oggi in cui ai giovani è tutto un po’ permesso.

Trovarsi davanti una classe di bambini di 7, , 9 o 10 anni e dover insegnare loro tutto, mentre in realtà la loro unica volontà sarebbe quella del giocare.

A  Vicenza è sorto un nuovo caso in cui una maestra è indagata per molestia sessuale verso un bambino di soli 10 anni.

La maestra quarantenne, infatti, sembrerebbe avesse mandato dei messaggi al suo alunno di quinta elementare con delle parole un po’ equivoche, tanto che i genitori si sono senti minacciati ed offesi fino ad arrivare alla denuncia.

Il giorno 27 giugno ci sarà la testimonianza del bambino con tutte le forme protette previste dal codice per capire se in tutto questo c’è davvero uno sfondo sessuale o meno.

La maestra ovviamente si difende ed il suo avvocato afferma con certezza che quelle parole non hanno nulla a che vedere con il sesso ma solo di semplice affetto. Affetto che spesso si instaura tra un’insegnante ed i suoi alunni.

Il tempo trascorso insieme è tanto. Lunghi 5 anni in cui maestra ed alunni sono a stretto contatto ogni singolo giorno.

Ogni maestra vede i suoi alunni crescere. Da piccoli bambini di 6 anni diventano dei preadolescenti pronti a spiccare il volo.

Qualsiasi maestro che faccia con il cuore il suo lavoro arriva ad affezionarsi ad ogni singolo alunno.

Di certo il caso non può passare inosservato e tutto deve essere valutato da chi di dovere ma la maestra si è detto piuttosto perplessa da tutto questo.

Aiutaci a crescere, Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *